Stili di NavigazioneSul sito di David Armano, esperto di web marketing ed “experience design”, c’è un interessante approfondimento sugli stili di navigazione degli utenti.

Il pregio di questo articolo è che sono state schematizzate le tre tipologie di base di comportamento dei navigatori, parlo di tipologie e non di navigatori in senso stretto perchè tutti noi, a seconda delle proprie necessità, navighiamo con uno stile differente in base a quello che si cerca e si vuol fare.

La divisione è la seguente:

Navigator: Hanno un preciso scopo e stanno cercando qualcosa di specifico

Explorer: Non hanno un obiettivo preciso e navigano per scoprire e conoscere

Engaged Partecipant: Simili agli Explorer, ma si lasciano coinvolgere da eventuali attività. Non si pongono un limite temporale

Questa classificazione è interessante da approfondire in quanto i siti passano, prima o poi, sotto gli occhi di utenti con esigenze diverse e con diversi stili di navigazione. Bisognerebbe quindi privilegiare alcuni comportamenti particolari, anche se a dire il vero la cosa corretta sarebbe cercare di soddisfare tutti e tre gli stili.

In riferimento agli E-commerce è importante prestare attenzione allo schema di navigazione degli utenti ed in particolar modo anche alle loro necessità.
Se sul vostro sito vengono per avere tutti i dettagli di un prodotto, che ci sia un’animazione del menù in flash o meno poco importa, l’importante è che trovino le informazioni che cercano.

Se invece sul vostro sito arrivano dai link più disparati e non hanno un’idea precisa di cosa cercare, è bene che il sito gli metta a disposizione gli strumenti necessari per navigare, magari nelle categorie dei prodotti, in modo da far scoprire l’assortimento prodotti e solleticare l’interesse dell’utente.

Ora sono sconfinato nella Findability,ovvero nella capacità di far trovare agli utenti quello che cercano nel sito, ma di questo ne parleremo più in la.

Thx a Marketing Usabile per la segnalazione di questo interessante articolo.