Scrivere su un sito, su un banner e comunque ovunque on-line non è una cosa da prendere sotto gamba, anche perchè gli errori spesso costano clienti e mancati ricavi e questo è ancora più vero per un e-commerce.

Uno degli errori più comuni, per esempio, è quello di non considerare la vera natura degli ipertesti, quindi dell’HTML e cugini, e dei processi che collegano l’azione al pensiero.

Esempio pratico:
Per maggiori informazioni sui biscotti della nonna clicca qui.
Vuoi maggiori informazioni sui biscotti della nonna?

In entrambi i casi il risultato finale, bene o male, lo si ottiene, ovvero quello di mettere a disposizione un link per approfondire. Perchè bisogna però comunicare all’utente che può cliccare proprio “qui”, quando un link è sempre ben caratterizzato sul sito? E se non lo è, allora il problema sul sito è un’altro e bisogna fare un’analisi di tipo diverso.

Inoltre, nel secondo esempio, c’è anche un piccolo aiuto al posizionamento della pagina target stessa, visto che c’è un link che viene elaborato in maniera diversa dai motori di ricerca. Ma in questo un buon SEO saprebbe dire la sua.
A parte questo piccolo esempio comunque, ci sono tantissimi altri errori ricorrenti sui siti e alle volte basta un po’ di attenzione in più per rendere l’esperienza dei propri utenti migliore sul proprio sito. Questo si tramuterà di sicuro in un grado di soddisfazione maggiore e sicuramente anche in un’efficacia maggiore del sito in se.

Delle ottime dritte per cominciare questo percorso di conoscenza del Web-Writing possono essere trovate ovviamente on-line. Uno dei siti migliori in Italia per qualità e quantità di materiale è quello di Luisa Carrada, autrice di talento che ha pubblicato anche un libro nel 2000, Scrivere per Internet (che purtroppo al momento non è disponibile in nessun catalogo on-line). Ci sono comunque altri testi interessanti sull’argomento, ma è meglio cominciare con quello che si trova on-line.

Non mi resta che augurarvi che buona lettura.
Scordavo… una delle cose più importanti per un sito è quella di non disattendere i propri visitatori, quindi un sito come questo dovrebbe essere sempre aggiornato. Purtroppo ci sono cascato anche io, per motivi extra-lavorativi, ma sto tornando alla carica 😉