E’ stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale del 14 Giugno 2007 il provvedimento che regola il funzionamento delle nuove norme che prevedono il trasferimento all’agenzia delle entrate gli elenchi dei clienti e dei fornitori indicando sia codice fiscale che partita IVA.

Pubblico questa news perchè è un argomento di interesse per molti merchant.
Sono stati confermati tutti i punti della legge, tra cui quello di fornire sia codice fiscale che partita IVA per i clienti in caso di emissione fattura. Ricordo che il codice fiscale NON è richiesto nel caso in cui le vendite siano fatte tramite corrispettivi. Il dato va raccolto SOLO in caso di emissione di fattura.
Una nota positiva sono le agevolazioni per quanto riguarda i primi due anni di applicazione (ovvero 2006 e 2007).
Nello specifico:

  • l’elenco clienti comprende i soli titolari di partita Iva
  • sia per i clienti che per i fornitori è possibile indicare la sola partita Iva e non anche il codice fiscale
  • non vanno comunicati i dati relativi a fatture (emesse o ricevute) di importo inferiore a 154,94 euro registrate cumulativamente, a fatture (emesse o ricevute) per le quali non è prevista la registrazione ai fini Iva, a fatture emesse annotate nel registro dei corrispettivi.

Maggiori informazioni sul notiziario fiscale dell’agenzia delle entrate.