Meet Magento 2017: la nostra esperienza

Il 3 marzo si è conclusa a Milano l’edizione 2017 del Meet Magento Italy organizzato da Webformat e quest’anno, con Qapla’ che faceva il silver sponsor e B2Commerce il supporter, sono andato a vedermelo.

Giovedì 2 Marzo

La prima cosa da scegliere in questi casi è decidere se seguire gli speech tecnici o quelli business e io, che sono sempre curioso di tutto, faccio sempre fatica a selezionarli.

Per fortuna lo speech di aperture era a sale unificate e così ho potuto rimandare la decisione mentre mi guardavo Massimo Banzi parlare delle possibilità di innovazione messe a disposizione di tutti dall’Internet delle cose. Uno degli speech che ho preferito, anche se trasversale rispetto a Magento, Banzi ha decisamente fiducia nel futuro e la trasmette molto bene.

 

Massimo Banzi al Meet Magento Italy 2017
 

Poi mi sono visto un po’ di speech tecnici sulle novità di Magento, il migliore (a mani basse) è stato quello di Riccardo Tempesta dei Magespecialist su come sopravvivere (con gli strumenti giusti) al coding in Magento 2: rigoroso, preciso e denso di informazioni anche nella brevissima mezz’ora a disposizione.

Nel seguito del pomeriggio altri due speech estremamente interessanti sono stati quelli di Andrea Zwirner di Linkspirit sulle security strategies per Magento e, a fine giornata, quello di Giovanni Cappellotto che ci ha parlato di recomendation e personalizzazione dei prodotti col suo taglio pratico ed efficace.

Venerdì 3 Marzo

Il giorno dopo mi sono concesso un solo speech tecnico di cui ero veramente curioso: Magento che maneggia 1 milione di prodotti, raccontato da Giuliana Benedetti di Webformat che, oltre a sfoggiare il miglior inglese di tutti i non madrelingua, ha approfondito le criticità principali di un progetto così ambizioso e complesso.

Roberto Fumarola di Qapla’, col suo stile brillante e diretto, ci ha raccontato le opportunità da cogliere in quel lasso di tempo crepuscolare (in cui il cliente è abbandonato a sé stesso) che sta tra l’ultima mail transazionale inviata dal venditore e l’arrivo del pacco.

 

Roberto Fumarola di Qapla’ a Meet Magento Italy 2017
 

Infine l’ultima presentazione che mi sono visto è stata quella sulle live chat per i siti e-commerce tenuta da Alessandro La Ciuria di Sostanza piena di dati e i trucchetti per renderle uno strumento di comunicazione efficiente e funzionale.

 

Conclusioni

L’evento era molto interessante: sia gli speech che la parte di esposizione erano sempre pieni di gente, tanti addetti ai lavori con cui condividere esperienze e informazioni.

Meet Magento Italy 2017
 

Il mio scopo principale era quello di approfondire la conoscenza di Magento, soprattutto adesso che è uscita la versione 2 e i clienti cominciano a chiedere se passare o meno al nuovo e questo l’ho capito, l’hanno detto tutti gli speaker: “Non ci si deve chiedere se passare alla nuova versione ma quando”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *