Ottimizzazione del tuo Conversion Rate.

Nessun dato è lasciato al caso.

Quando si parla di Conversion Rate Optimization, si rischia di cadere nella trappola di un valore percentuale.

Secondo i nostri ecommerce improvers, 0,6% o 3,5% sono soltanto numeri: il nostro obiettivo è aumentare il fatturato reale che il tuo ecommerce può generare.

Una delle tante definizioni di Conversion Rate Optimization è “l’insieme organico di tecniche, diagnostiche e sperimentali, volte a ottenere miglioramenti misurabili del tasso di conversione dei siti web” e ha l’obiettivo di “aumentare la percentuale di visitatori di un sito web che si convertono in clienti.”

Per noi, Conversion Rate Optimization (anche detta CRO) vuol dire fare del marketing migliore. Vuol dire capire i tuoi clienti e sviluppare una vera e propria customer theory, fornire loro una migliore esperienza, aiutarli a risolvere i loro problemi con un continuo processo di semplificazione.

Tutto ciò è possibile soltanto conoscendo, non tirando a indovinare. La differenza tra conoscere e avere un’opinione sta nei dati.

Per formulare un’ipotesi valida, un processo di Conversion Rate Optimization di successo deve poggiare sulla raccolta di dati di tipo quantitativo:

  • Report di web analytics
  • Dati di vendita
  • Analisi sulla composizione del fatturato
  • Heatmaps

 

di tipo qualitativo:

  • Survey online con clienti reali
  • Studio delle richieste fatte al customer care
  • Valutazione del business-model e delle personas: chi è il tuo cliente?
  • Test di usabilità con utenti in carne e ossa

 

e derivati dall’euristica:

  • Analisi del funnel di navigazione e d’acquisto
  • Analisi dell’interfaccia
  • “Walkthroughs” dell’ecommerce da parte di esperti

Una base dati valida, una conoscenza approfondita del comportamento d’acquisto e un approccio scientifico e sperimentale ai problemi: questi sono i 3 ingredienti della Conversion Rate Optimization che i nostri ecommerce improvers mettono a tua disposizione!